Badia Musica
Marebbe, Sala manifestazioni

Duo Barta - Pereyra

Mercoledì, 17 Luglio alle 21:15
a Marebbe, Sala manifestazioni
Susanne Barta, mezzosoprano
Adrian Pereyra, chitarra
Susanne Barta, nata in Austria, ha iniziato i suoi studi alla Musikhochschule di Vienna e ha completato gli studi con Christel Borchers a Monaco di Baviera, specializzandosi in opera e oratorio. Ha partecipato a diversi progetti, tra cui l'Essen Kokerei Zollverein alla Ruhrtriennale e come solista nelle messe di Mozart e Haydn, l'Oratorio di Natale di Bach e i canti sacri di Piotr Eben, la Messa in do minore di Mozart e la Messa in si minore di Bach. Ha tenuto concerti solistici al Lago di Orta nella Sala Eleo- nora Tallone con la pianista Arabella Cortesi Lea, nella sala dei Fazzioli di Sacile e con l'Orchestra dell'Università di Linz. Susanne Barta vive a Monaco di Baviera e si esibisce come solista in varie formazioni, tra cui il chitarrista Adrian Pereyra, il pianista Mizuko Uchida e il violoncellista Mathis Mayr.

Adrian Pereyra si dedica come interprete al campo della musica strumentale ed elettronica. I suoi strumenti principali sono la chitarra classica e la chitarra elettrica. Adrian Pereyra ha suonato come solista e camerista in ensemble, orchestre, produzioni musicali e di teatro di danza sotto la direzione di Daniel Harding, Michael Gielen, Hans Zender, Martyn Brabbins, Peter Rundel, Emilio Pomarico, Mstislav Rostropovich, Sylvian Cambreling, Stefan Asbury, Fabrice Bollon, Ilan Volkov, Marcus Bosch, Roland Kluttig, Ulf Schirmer e Peter Eotvos...Come solista ha tenuto concerti con l'Orchestra della Radio Bavarese e si è esibito alle Biennali di Venezia, Monaco e Lione, al Festival di Salisburgo, al Festival Schleswig-Holstein, al Donaueschinger e Wittener Tage für Neue Musik, all'Huddersfield Contemporary Music Festival, all'Autunno Stiriano, all'Hollandfestival e al Wien Modern.

Programma “cold genius Purcell arrangements”:

Una straordinaria serata incentrata nella musica di Henry Purcell e nella sua elaborazione da parte di compositori contemporanei. Ispirati dalla qualità compositiva e dalla qualità dell'anima del vasto lavoro del grande Orfeo Britannico, i compositori della serata intraprendono un viaggio musicale tra Rinascimento e modernità. Musicisti e compositori sono uniti dall'impegno spirituale con la musica di Henry Purcell, il quale riesce a comunicare direttamente con l'ascoltatore e a toccarlo.
Per questa serata, tutti i brani sono stati commissionati da A. Pereyra e sono dedicati al duo.

Puzzle di Purcell è un brano per mezzosoprano e chitarra elettrica basato su due brani di Henry Purcell: "Music for a while" e la il noto "Cold Song". Frammenti selezionati di queste due canzoni formano il materiale della sua composizione, che si intrecciano in modo intuitivo. La chitarra elettrica aggiunge ulteriori dimensioni a questa musica, originariamente radicata nel primo barocco inglese, con suoni rock e heavy metal. Il risultato è un nuovo suono che si estende per un periodo di 300 anni e racconta una storia di dolore e consolazione (Karlheinz Essl).

Per felshin geschmolzen/freedom in chains il compositore è partito dall'aria di Purcell „They told us that you mighty powers above “del "The Indian Queen", in particolar modo dalla melodia: l’artista si è poi riallacciato e allontanato da essa, lasciandola risuonare per poi ritornarci. Tornato all’alloggio, ha aggiunto non solo le proprie fantasie sonore, ma anche un nuovo testo tratto dal poema "Maximilian" di Gertrud Kolmar, ritenuto adatto sia dal punto di vista tematico che atmosferico e in espansione per costruire ponti nel corso dei secoli (Bernhard Weidner).

Solitamente, uno degli approcci più creativi e fruttuosi è quello di combinare elementi che a primo impatto non si adattano del tutto. Nella poesia, ad esempio, nuove e interessanti associazioni si creano combinando parole insolite. Per il compositore ciò avviene similmente nella musica: la potenza della musica di Purcell si distingue così singolarmente dalle altre del suo tempo che non è un problema il compositore mettere in contrapposizione essa con la musica del proprio tempo. Pensando a quello che a prima vista potrebbe essere l'accompagnamento più inappropriato e stupido per la melodia di "One Charming Night" l’artista è giunto ad una sorta di strano incrocio funk. Il risultato è stata un'interessante energia di attrito che determina la dinamica del pezzo. La maggior parte delle volte i processi di trasformazione vengono seguiti nei luoghi in cui un tipo di musica si fonde in un altro (Moritz Eggert).
Bubbles per chitarra e riproduzione tramite altoparlanti per PC; il titolo si riferisce generalmente a forme di comunicazione autoreferenziale e pregiudizievole che si sono diffuse attraverso l'uso crescente dei mezzi di comunicazione digitale. L'attivista di Internet Eli Pariser ha coniato il termine "bolla filtro" per descrivere la falsificazione o il restringimento della realtà attraverso notizie personalizzate, flussi e ricerche su Internet. In queste bolle, le stesse informazioni vengono presentate più volte in forma leggermente modificata, guadagnando così una irresistibile persuasività. Bubbles è anche il nome della scimmia di Michael Jackson. Un arrangiamento dei due è servito all'artista americano Jeff Koons come modello per una scultura in porcellana a grandezza naturale, messa all'asta da Sotheby's nel 2001 per l'allora cifra record di 5,6 milioni di dollari (Orm Finnendahl).

Henry Purcell
1659-1695
The Cold Song
„King Arthur or the British Worthy “ Z.628
Arrangemet: A. Pereyra

Bernhard Weidner
*1965
felshin geschmolzen/freedom in chains
Purcell-Paraphrase „They tell us that you mighty powers “

Karlheinz Essl
*1960
Puzzle of Purcell
„Music for a while “& „The Cold Song “

Henry Purcell
Oh Solitude
Z.406 Arrangement: A. Pereyra / B. Britten

Moritz Eggert
*1965
One Charming Night
„One Charming Night “from „The Fairy Queen “

Henry Purcell
Music for a while
“Oedipus, King of Thebes”
Arrangement: A. Pereyra (2015)

Orm Finnendahl
*1963
Bubbles
„When I am laid in Earth “
für E-Gitarre Solo und Tonband

Henry Purcell
When I am laid in Earth
„Dido und Aeneas “ Z.626
Arrangement J. Öllinger

Foto